Rogito



Ieri er Sordo ha fatto festa,
lui e 'sta vita disonesta,
quattro firme 'n fondo ar fojo
pe' n'addio ! Vojo o non vojo.

Ma 'sti scudi serviranno?
Chiss? Forse pe' n'artr'anno.
Mo so' pochi, semo troppi,
pe' fa'un mutuo te li stoppi!

S ! So' stato 'n gran cojone
A nun coje 'st'occasione :
pe' nun fammela soffia'
li dovevo anna' a rubba' !

Devo aggiunge' rata a rata?
Ormai annata com' annata.
Damme retta, nun c' verso,
statte a rode tempo perso.

Quanto spreco de' miele!
Mejo rabbia e contumelie
Pe' chi me se porta via,
dopo i sogni, casa mia.

Zozzi! Massa de' banditi
che comanna ai rimbambiti!
Voi ve sete fatta casa
arraffanno alla rinfusa.

Zitti zitti, magna magna ,
prima a Roma, poi in montagna,
e poi a falli ben girare
c' scappata pure ar mare.

A voi cliniche e pensioni,
a noi pizzica e bocconi ,
ce so' i resti della mensa :
s' votata 'a dispensa.







(Marco Tiddi)


indice